mercoledì 24 luglio 2019

mercoledì 24 luglio 2019

MENU

A Palermo il Festino di Santa Rosalia riscopre l'Offerta della cera

Tradizioni

Ad aprire i festeggiamenti sarà, il 10 luglio alle ore 18 a Piazza Pretoria, l'Offerta della Cera, antico rito di devozione che, dopo cento anni, ritorna a vivere in questa edizione


di Redazione SicilyMag

Al via a Palermo il 395° Festino di Santa Rosalia. Ad aprire i festeggiamenti sarà, mercoledì 10 luglio alle ore 18 a Piazza Pretoria, l'Offerta della Cera, antico rito di devozione che, dopo cento anni, ritorna a vivere in questa edizione. Tutte le confraternite palermitane, oltre 200, insieme alle autorità religiose e civili e ai devoti della Santuzza, offriranno un cero che, simbolicamente, rappresenta la fiamma della fede e della devozione, affinché quest'ultima rimanga costantemente accesa per l'interno anno, illuminando il cammino di tutti i cittadini palermitani.

Il corteo a cui prenderanno parte anche Monsignor Filippo Sarullo, Parroco della Cattedrale, e Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, partirà alle ore 18,00 da Piazza Pretoria per giungere alla Cattedrale dove i ceri portati in dono, uno per ogni Confraternita e uno della Città di Palermo, offerto dal Sindaco, verranno esposti davanti alla Cappella di Santa Rosalia subito prima della celebrazione della Santa Messa (ore 19). Al termine della Celebrazione, come da tradizione, il parroco e il sindaco apriranno il cancello della Cappella della Santuzza per prelevare l'Urna contenente le Sante Reliquie che verranno collocate sul Baldacchino predisposto nella navata centrale della Cattedrale, dove rimarrà fino al 15 luglio, giorno della processione per le vie della città.

Il carro 2019 del Festino di Santa Rosalia

Tra gli altri appuntamenti in programma nei giorni che condurranno ai festeggiamenti del 14 luglio anche il Festinello, rappresentato a Piazza Monte di Pietà, dove si trova la più antica edicola votiva dedicata alla Santuzza, che vedrà in scena sia gli attori-detenuti del Carcere Ucciardone (nei giorni 10 e 11) che gli artisti (12 e 13 luglio) coinvolti nel 395° Festino di Santa Rosalia. Per i bambini, invece, dal 10 all'11 luglio, alle 19, a Piazza Bologni verrà rappresentato "Giufà, una pensa e cento ne fa", con gli anim-attori che racconteranno le storie del personaggio Giufà con insolite lezioni tenute da maestre bizzarre che coinvolgeranno i piccoli spettatori. Saranno presenti anche il Mago Mustachià, con i suoi giochi, e ancora danze e caramelle per tutti. La mattina, sempre a Piazza Bologni alle ore 11, sarà dedicata ai più piccini con i laboratori creativi e sensoriali "Rosalia Picciridda" (dai 4 ai 6 anni).

Una vecchia edizione del Festino, foto di Lorenzo Gatto

Al Museo Riso, infine, alle ore 20 verrà inaugurata la mostra "Le cinque Rosalie" che raccoglie gli scatti realizzati da Lorenzo Gatto nelle ultime cinque edizioni del Festino, il video "Rosa senza Spine" realizzato da Salvo Agria e “Il Sacro Carro della Condivisione e del Riscatto”, video interviste a cura di Monica Modica, realizzato dalla Fondazione Buttitta. L’esposizione, ad ingresso libero, sarà fruibile fino al 16 luglio.

Il 395° Festino di Santa Rosalia, che ha come tema l’Inquietudine si avvale della direzione artistica di Letizia Battaglia e Lollo Franco, e della Direzione Organizzativa di Vincenzo Montanelli - VM Agency Group s.r.l.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 08 luglio 2019
Aggiornato il 10 luglio 2019 alle 13:09





TI POTREBBE INTERESSARE

Acireale, dietro le quinte del più bel Carnevale di Sicilia

Sono giornate febbrili nella "cittadella" da poco intitolata al compianto carrista Giovanni Coco, perché centinaia di artigiani lavorano senza sosta per mettere a punto i carri allegorici che dal 17 febbraio saranno protagonisti di uno degli eventi di punta dell'Isola: il terzo Carnevale d'Italia, dopo Venezia e Viareggio, per il quale quest'anno è stato instituito un ticket

Notte di Zucchero, la tradizionale Festa dei Morti a Palermo e Catania

La manifestazione nata pertenere in vita una tradizione dall’eco tutta siciliana che col sopravvento di Halloween rischiava di perdersi, quest'anno approda per la prima volta anche a Catania, mentre a Palermo si rinnova portando per la prima volta eventi culturali all'interno dei cimiteri

Enna riscopre il canto degli zolfatari al Cristo morto

Il 30 marzo in occasione della processione del Venerdì Santo il coro Passio Hennensis eseguirà il canto della tradizione siciliana recuperato nel 1972 dal musicologo Angelo Cacciato

Intramontabile zampogna, melodiosa compagna della Natività

La riascoltiamo ogni anno nel periodo delle festività natalizie ma lo strumento a fiato per antomasia della Sicilia e di tutto il Sud Italia è un vero testimone di una civiltà contadina oggi tramontata. La sua unicità, e soprattutto insostituibilità, è testimoniata dalla rassegna Zampognarea, giunta alla XIV edizione, in svolgimento a Catania fino al 7 gennaio

Con la Casa del cantastorie Paternò si riappropria della sua storia

Il 14 febbraio riapre la casa museo dedicata agli antichi cantori della cultura popolare del Novecento, i più famosi dei quali - da Ciccio Busacca a Vito Santangelo a Paolo Garofalo, morto centenario un anno fa -, venivano dalla cittadina etnea. Le visite guidate affidate al Gruppo Batarnù. Alessandro Nicolosi: «La scuola paternese per noi è identità culturale»

L'incerto futuro della Marionettistica Fratelli Napoli

I Maestri Pupari catanesi sono costretti a traslocare nuovamente. Dopo la gentile accoglienza del centro commerciale Le Porte di Catania sono adesso alla ricerca di una nuova fissa dimora. E mentre i loro magazzini sono inagibili a causa di una perdita d'acqua nell'immobile al piano superiore di proprietà comunale, tutti i loro storici materiali saranno ospitati da un privato