venerdì 22 marzo 2019

venerdì 22 marzo 2019

MENU

A Messina realizzata una pignolata da guinness dei primati

Dolci

L'opera dolciaria, oltre 100 kg di bontà alta circa 1,30 mt, è stata realizzata da un team di professionisti: il maestro gelatiere Giuseppe Arena, il pasticcere Lillo Freni e il fornaio Francesco Arena, coaudiuvati dai pasticceri Rosario Zappalà, Massimo Riggio, Lillo Todaro e Umberto Maimone


di Redazione SicilyMag

E' una pignolata da guinness dei primati quella realizzata dal maestro gelatiere Giuseppe Arena e dei due ambasciatori del gusto, il pasticcere Lillo Frenie il fornaio Francesco Arena, in occasione di “Faro in Festa 2019”. Domenica 3 marzo, a partire dalle prime ore del pomeriggio, migliaia di persone hanno affollato Torre Faro, a Messina, per vedere dal vivo e gustare a pignolata da guinness dei primati del peso di oltre 100 kg, larga 90 cm e alta circa 1,30 mt.

Da sinistra Giuseppe Arena, Lillo Freni, Francesco Arena

Tra maschere e coriandoli, i tre professionisti, con l’ausilio dei pasticceri Rosario Zappalà, Massimo Riggio, Lillo Todaro e Umberto Maimone, hanno ultimato la preparazione del dolce tipico del Carnevale messinese, ricoprendo l’intera superficie con una colata di glassa bianca al limone e glassa nera al cioccolato e decorando la montagna di pignolata con coriandoli di zucchero colorati.Sono state oltre 700 le porzioni di pignolatadistribuite al pubblico presente a fronte del pagamento di un piccolo ticket degustazione.

Paticceri al lavoro sulla pignolata da record

«Sono davvero felice che tutto sia riuscito perfettamente – ha commentato Lillo Freni -e l'impresa era particolarmente difficile, la nostra pignolata è un dolce tecnicamente impegnativo e proporne un esemplare di oltre un quintale con rifinitura in piazza è davvero insidioso. Sono felice soprattutto perché siamo riusciti a promuovere il dolce tipico della nostra città nella sua veste storica, in chiave allegorica e nel luogo più idoneo, ovvero in piazza a Carnevale, e abbiamo dimostrato, vista la massiccia e la trepidante attesa pre-degustativa, che questo dolce conserva immutato lo stesso fascino, nonostante siano passati parecchi secoli dalla sua invenzione. Riuscire a mantenere le tradizioni, a rispettarne la storia e dare profondità alla nostra cultura ritengo sia davvero gratificante».

Il team di pasticceri che ha lavorato alla pignolata da guinness dei primati

«E’ stata una serata bellissima, una scommessa vinta – ha detto Francesco Arena- e la gente ha risposto con entusiasmo. Lavorare con Lillo e Giuseppe è stato bellissimo perché oltre alla fatica ci ha uniti il sorriso e una sorta di fratellanza, e poi siamo orgogliosi che il nostro maestro pasticcere Rosario Zappalà sia venuto a coadiuvarci, la sua esperienza è sempre importante per noi».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 04 marzo 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

A Palermo rivivono i dolci profumi del convento di S. Caterina d'Alessandria

A piazza Bellini, di fronte la chiesa della Martorana, il Fondo edifici di culto della Curia, tramite la cooperativa Pulcherrima Res, ha aperto la pasticceria "I segreti del chiostro" che riprende le antiche ricette delle suore di clausura che hanno vissuto fino a poco tempo fa nell'antico monastero del XIV secolo che Maria Oliveri ha raccolto in un libro prossimo alla ristampa

Il parfait di mandorle di Scorzonera&Cannella

La storia del dolce freddo e spumoso comincia a corte di Luigi XIV e presto si è diffuso anche in Italia e, naturalmente, in Sicilia terra di nascita del sorbetto e del gelato

L'agnello a Pasqua mangiatelo di marzapane

Nella storia della gastronomia siciliana la più antica e famosa preparazione fatta con il marzapane è la Frutta Martorana ma a Pasqua il delizioso impasto prende la forma di agnello come simbolo del Cristo risorto: "A picuredda", normalmente decorata, che però propongo secondo il mio minimalismo gastronomico

Il dulce de leche
una bontà che viene da lontano

Come il tango questa crema spalmabile dolce ben rappresenta il carattere dell'argentina, provocando un turbine dei sensi e della fantasia

PanettonTour
il gusto glocal delle feste siciliane

Tra chi li produce tutto l'anno e chi invece si dedica a questo prelibato dolce solo durante le festività, quello tra i panettoni made in Sicily è un tour goloso dalle mille sfaccettature che, provincia per provincia, è declinato da alcuni ingredienti essenziali: passione per l'arte pasticcera, impegno, rigore nella scelta delle materie prime e, soprattutto, tanta tanta pazienza

Presentato a Merano il nuovo panettone che celebra gli Iblei

In occasione del tour #DolcissimoNatale la Di Stefano Dolciaria ha presentato il panettone 2017 con farina di carrube, cioccolato di Modica, arancia di Sicilia ed olio extravergine di oliva. Ma non è l'unica novità dell'azienda di Raffadali che quest'anno ha sposato i suoi prodotti con le creazioni artistiche di Alice Valenti