sabato 20 aprile 2019

sabato 20 aprile 2019

MENU

A Mazara del Vallo una giornata dedicata all'"oro verde" di Sicilia

Tutto fa panza

Sabato 8 settembre la dodicesima edizione de L’isola del Tesolio organizzata e promossa dal Co.Fi.Ol, il Consorzio della filiera olivicola


di Redazione SicilyMag

Si svolgerà sabato 8 settembre, dalle ore 9 alle ore 12 nel Giardino di Costanza di Mazara del Vallo, la dodicesima edizione de L’isola del Tesolio. Una giornata interamente dedicata alla Sicilia e al suo olio extra vergine d’oliva, organizzata e promossa dal Co.Fi.Ol, il Consorzio della filiera olivicola presieduto da Alessandro Chiarelli.
Il tema del dibattito dell’edizione 2018 sarà l’utilizzo dell’olio extra vergine di oliva a marchio IGP Sicilia nella dieta mediterranea. Grazie alle sue straordinarie qualità nutritive, l’extra vergine costituisce da sempre il prodotto fondamentale della cucina italiana. Alimento indispensabile nella dieta mediterranea, lo si ritrova in tutti i principali piatti della tradizione popolare. L’olio extra vergine per la sua delicatezza e i suoi bassi contenuti di grassi, permette di creare piatti bilanciati sia dal punto di vista nutritivo che del gusto. E’ proprio grazie al suo uso che la dieta mediterranea è diventata un vero e proprio modello nutrizionale, in grado di coniugare ottimi sapori ad una vita longeva. Diversi studi hanno già dimostrato i numerosi vantaggi per la salute derivanti dalla dieta mediterranea, a cominciare dal mantenimento del peso corporeo ideale.

Le origini della dieta mediterranea si perdono indietro nel tempo, frutto della saggezza millenaria dei popoli del bacino del Mediterraneo che è giunta fino a noi con il suo bagaglio di storia, cultura e tradizioni. Una dieta ricca, salutare, semplice ma al tempo stesso variegata e completa. Insieme all’olio di oliva extravergine troviamo anche pane, pasta, legumi, latte e formaggi, frutta, verdure e ortaggi, pesce e carni, sono questi i cibi più rappresentativi della tradizione alimentare mediterranea, tradizione che anche nei Paesi più industrializzati viene oggi proposta come modello ideale di alimentazione.
In questo paniere, l’olio extra vergine di oliva occupa un posto di primaria importanza in quanto principale fonte di lipidi, l’energia di riserva che serve al nostro corpo per svolgere le funzioni vitali. L’assunzione di grassi è essenziale per una buona alimentazione, ma bisogna saper selezionare il tipo di grasso migliore per il nostro metabolismo. Proprio per questa ragione si deve scegliere l’olio d’oliva, capace di fornire grassi nella forma migliore per l’organismo, vale a dire sotto forma di acidi grassi monoinsaturi, che sono estremamente digeribili e aiutano a mantenere nel migliore dei modi il nostro organismo, fornendo un sostanziale equilibrio tra colesterolo “buono” (che funziona come “spazzino delle arterie”) e quello “cattivo”. Inoltre è una fonte di vitamine e un aiuto per l’assimilazione delle vitamine contenute negli altri cibi. Per ottenere tutto questo, è necessario però consumare sempre e solo un prodotto di alta qualità.

Alessandro Chiarelli

«Grazie all’attività del Consorzio – afferma Alessandro Chiarelli, Presidente del CO.FI.OL – riusciamo a dar voce e a promuovere gli olivicoltori e i frantoiani siciliani. Il nostro obiettivo è quello di creare un modello vincente di filiera olivicola che possa aumentare la capacità produttiva dei singoli olivicoltori, per poter immettere sul mercato un prodotto competitivo dal punto di vista qualitativo e quantitativo. In questo modo l’IGP Sicilia pilastro della tanto celebrata e apprezzata dieta mediterranea, così come tutte le produzioni di eccellenza dell’isola che vanta il maggior numero di DOP, avrà la diffusione che merita».
Per uno sviluppo del comparto siciliano è fondamentale l’associazionismo tra i frantoiani e gli olivicoltori. L'olivicoltura, infatti, è una pratica molto complessa e occorre valorizzare la millenaria tradizione olivicola siciliana attraverso l’uso consapevole e intelligente delle nuove tecnologie. Per questo motivo l'associazionismo è fondamentale, dai frantoiani dipende la lavorazione e la destinazione del prodotto. Sono loro che in questa partita giocano un ruolo chiave e strategico.
La Sicilia dell'olio e delle olive ha grandissima potenzialità. A parlare chiaro sono i numeri. Nell'Isola esistono circa 150 diverse varietà di olive e la regione è il terzo produttore nazionale dopo Puglia e Calabria. Nella Regione Sicilia ci sono 619 Frantoi Oleari (*dati fonte Agea), Oleifici attivi, distribuiti in tutte le 9 province siciliane: Provincia di Palermo (124 frantoi), Agrigento (91), Messina (84), Catania (67), Enna (44), Siracusa (36), Ragusa (33), Trapani( 97) e Caltanissetta (43 frantoi). Sei le DOP presenti nell'area olivicola siciliana, rispettivamente nelle province di: Trapani con due Oli DOP (Valli Trapanesi, Valle del Belice), Palermo (Val di Mazara), Messina (Valdemone), Catania (Monte Etna), Ragusa (Monti Iblei).

Al convegno “Dieta mediterranea e olio IGP Sicilia, migliori alleati per il nostro benessere. Verso orizzonti di sostenibilità” di sabato 9 settembre, moderato dalla giornalista di Class Tv Tarsia Trevisan, interverranno come relatori:

Alessandro Chiarelli - Presidente Co.Fi.Ol, Consorzio Filiera Olivicola;
Francesco Tabano - Presidente Federolio, Federazione Nazionale del Commercio Oleario e maggiore organizzazione italiana di categoria nel settore del commercio all’ingrosso e del confezionamento dell’olio di oliva e dei prodotti derivati;
Giuseppe Montalto – Professore ordinario Università degli Studi di Palermo, Biomedico di Medicina Interna e Specialistica;
Paolo Inglese – Professore ordinario presso Università degli Studi di Palermo, Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali;
Edy Bandiera – Assessore Regionale all’agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea;
Beniamino Tripodi - Pieralisi, azienda produttrice di tecnologie per impianti oleari;

A seguire, sempre nella giornata di sabato 9 settembre, dalle ore 12 alle 13, la consueta consegna dei premi “Oliva d’Oro – Selezione Speciale Barbera” che premia, ogni anno, le personalità che nei diversi ambiti si sono contraddistinte nella promozione e diffusione della cultura dell’olio extra vergine siciliano.


Co.Fi.Ol (Consorzio Filiera Olivicola)

Il Consorzio nasce su impulso di Manfredi Barbera di Premiati Oleifici Barbera nel 2011, proseguendo il lavoro di aggregazione di filiera iniziato nel 2001 dal Consorzio Oleifici Siciliani, con l’obiettivo di promuovere un processo di ricognizione, coesione e sviluppo della filiera olivicola siciliana. La stessa deve poter oggi trovare in se stessa, e nella molteplicità dei soggetti che la compongono (piccoli coltivatori, frantoiani, piccole e medie aziende di confezionamento e vendita), le ragioni di una nuova alleanza per rilanciare sul territorio una nuova e più efficiente compagine del tessuto produttivo e, sul mercato, un olio extra vergine d'oliva certificato, garantito e ad alto valore aggiunto. Dal 31 luglio 2017 Alessandro Chiarelli è il nuovo Presidente del Consorzio.

Il consorzio è oggi composto da:

  • ·6 stabilimenti di confezionamento e stoccaggio di olio extra vergine di oliva di origine protetta: DOP Monte Etna; DOP Valle del Belice; DOP Val di Mazara; DOP Valli Trapanesi, DOP Monti Iblei, DOP Valdemone;
  • ·una rete di 54 frantoi che, negli ultimi tempi, ha saputo investire in tecnologia e sviluppo oltre che nelle fonti di energia rinnovabile;
  • ·230 olivicoltori e una Organizzazione di produttori (OP);
  • ·un indotto di oltre 5.000 olivicoltori.

© Riproduzione riservata
Pubblicato il 06 settembre 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Festa di primavera da Io.bio, la fattoria urbana di Palermo dove ci si riconnette con la terra

Venerdì 12 aprile l'agribistrot creato dai coniugi Gino Gambino e Carmela Senatore ospiterà l'evento di stagione che promuove l'oasi urbana con cucina biologica affidata a Marco Piraino, immersa in un agro di 3mila metri quadri lungo l'asse viario per Monreale: «Produciamo anche ortaggi, frutta, olio bio perché crediamo che sia importante nutrirsi in modo sano»

Valeria Raciti vince Master Chef 8

La trentunenne segretaria di Aci Sant'Antonio ha convinto i giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli ed ha sbaragliato gli avversari Gilberto Neirotti e Gloria Clama. Ha vinto centomila euro e la possibilità di pubblicare un libro di ricette: «Devo tutto a mia nonna, stavo sempre con lei ai fornelli»

Catania commensale perfetta per il week end del gusto

Dal 30 marzo al 2 aprile la città etnea è stata una capitale dei sapori grazie a tre eventi di grande successo che si sono intrecciati in città: il salone dell'enogastronomia Cooking fest, il 30° congresso nazionale della Federazione Italiana Cuochi (culminato nella serata evento al Bellini) e il Cibo Nostrum alla Villa Bellini che ha donato 45 mila euro in beneficenza

Il Gambero Rosso premia Unetto, la panineria gourmet di Bagheria

La panineria di Tony Lo Coco e Marilena Chiavetta è la migliore in Sicilia nella categoria street food

L'essenza di Pantelleria e Favignana nei piatti di due grandi chef

Due isole, due chef, due eventi culinari, una grande etichetta. Cantine Pellegrino organizza a Marsala "La cucina delle isole": un pranzo dedicato a Pantelleria il 31 marzo e una cena dedicata a Favignana l'8 aprile, preparati rispettivamente da Mario Puccio e Francesco Balzani, per viaggio sensoriale alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche isolane

A Martina Caruso del Signum di Salina il premio Chef Donna Michelin

La trentenne chef siciliana è stata premiata a Milano nell’ambito della quarta edizione dell’Atelier des Grandes Dames, un network che ha lo scopo di celebrare il talento femminile nell’alta ristorazione voluto da Veuve Clicqu. Riceve il premio per la grande volontà e capacità di progredire e di rappresentare la sua isola raggiante, attraverso una grande tecnica