sabato 20 aprile 2019

sabato 20 aprile 2019

MENU

A Marsala in mostra l'archivio Ingham-Whitaker di Pellegrino

Storie

La famiglia Pellegrino apre al pubblico l’archivio che prende il nome dalle famiglie inglesi che hanno scritto alcune delle più belle pagine della storia economica della Sicilia dell’800: 110 volumi di storia siciliana che raccontano gli scambi commerciali, avvenuti dal 1814 al 1928, tra Marsala e il resto del mondo


di Redazione SicilyMag

Una testimonianza storica dal valore inestimabile che racconta attraverso 110 volumi gli scambi commerciali, avvenuti dal 1814 al 1928, tra la città di Marsala e il resto del mondo. Pellegrino - prestigiosa cantina siciliana produttrice di vini bianchi e rossi, passiti di Pantelleria e Marsala - dedica una nuova sala, aperta al pubblico, all’archivio Ingham-Whitaker, che prende il nome dalle famiglie inglesi che hanno scritto alcune delle più belle pagine della storia economica della Sicilia dell’800. La tutela dell’archivio, affidata a Pellegrino, è certificata da una lettera della sovraintendenza ai beni archivistici. I testi sono custoditi all’interno delle cantine storiche di Marsala, con lo scopo di promuoverne la conoscenza. Qui, tra i filari di botti dove affina il leggendario marsala, la famiglia Pellegrino, la più longeva dinastia siciliana del vino, oggi giunta alla sesta generazione, ha adibito un nuovo spazio per la consultazione, dotato di un moderno impianto di deumidificazione e tende. La sala assicura le ottimali condizioni di temperatura per i volumi, al riparo da umidità e luce diretta del sole.

Dal 1880 i Pellegrino sono impegnati nella produzione vinicola e nella tutela dell’identità culturale del territorio d’appartenenza. Le collezioni private della famiglia sono fruibili attraverso le visite guidate in cantina, disponibili tutto l’anno. Nell’itinerario sono inclusi il museo degli attrezzi agricoli, con i ferri dei maestri bottai, la collezione dei cinque carretti siciliani ottocenteschi e i calchi in gesso originali della Nave Punica del 241 A.C. (esposta al Museo Lilibeo di Marsala), al cui recupero la famiglia Pellegrino ha partecipato attivamente. Con la nuova sala, dedicata all’archivio Ingham-Whitaker, continua pertanto quell’attività di mecenatismo che ha sempre contraddistinto il nome di Pellegrino. I volumi hanno finalmente trovato una “nuova casa” per continuare a raccontare quel glorioso passato in cui la città di Marsala era il centro principale delle rotte commerciali del Mediterraneo.

Pellegrino Ouverture, sala archivio Ingham-Whitaker

L’archivio Ingham-Whitaker è stato dichiarato di “notevole interesse storico” con provvedimento della Sovrintendenza ai Beni Archivistici della Sicilia del 1985 e, da trent’anni a questa parte, è stato letto e analizzato da grandi studiosi come il Professor Brancato dell’Università di Palermo, oltre che disponibile alla consultazione per gli studenti universitari che svolgono attività di ricerca.

Cenni storici sull’archivio Ingham-Whitaker. L’archivio prende il nome dalle due grandi famiglie inglesi stabilitesi, agli inizi dell’800, sulla costa occidentale siciliana per intraprendere fiorenti scambi commerciali tra l’isola e Londra. Originariamente conservato presso Villa Inglese, dimora privata di proprietà dei Whitaker a Marsala, arriva nelle disponibilità della Pellegrino grazie a una donazione di Manfredo Pedicini, ultimo erede degli imprenditori inglesi che, per evitare il possibile danneggiamento dei volumi causato dall’umidità, decide di affidarli a chi ritiene abbia la sensibilità per custodirli al meglio. L’incontro tra Pedicini e Pietro Alagna, oggi Presidente di Cantine Pellegrino, avviene in occasione del recupero della nave punica di Marsala. A presentarli fu Honor Frost, l’archeologa inglese di fama mondiale giunta in Sicilia negli anni ’70 per seguire la delicata missione di salvataggio. Colpita dalla sensibilità e generosità di Pietro Alagna e dei suoi familiari, che diedero un contributo economico e logistico fondamentale per il recupero del relitto, la Frost decide di donare ai Pellegrino i calchi in gesso originali ancora oggi esposti nelle cantine storiche di famiglia.

L’archivio Ingham-Whitaker rappresenta l’unica testimonianza esistente sulla storia del vino marsala. Mentre gli archivi Florio e Woodhouse andarono irrimediabilmente distrutti nel secondo dopoguerra, l’archivio Ingham-Whitaker, grazie alla cura dei Pellegrino, è invece giunto pressoché integro fino ai giorni nostri. Dai suoi 110 volumi è possibile ricostruire dettagliatamente l’evoluzione e i benefici che la commercializzazione del vino marsala portò nello sviluppo sociale, economico e politico del territorio siciliano.

Cantine Pellegrino, registri contabili all'archivio Whitaker

L’archivio si compone di quattro serie di copia-lettere di affari indirizzate prevalentemente ad agenti, mediatori e commissari sparsi in Italia e in tutto il mondo anglosassone, tutte trascritte fedelmente a mano da Ingham e dai suoi nipoti. C’è la corrispondenza, sia in italiano che in inglese, i registri contabili, i libri giornali, i libri mastri e di cassa. Da tutti questi elementi è possibile risalire alla politica economica adottata da Benjamin Ingham e ritrovare gli insegnamenti lasciati ai nipoti. Tra le fonti anche una campionatura di stoffe, a dimostrazione che oltre al vino, i commerci riguardavano diverse attività come i pregiati tessuti inglesi, le ceneri impiegate per la produzione del vetro e la prelibata uva passa di Pantelleria. La parte più importante dell’archivio contiene i documenti degli investimenti finanziari effettuati da Benjamin Ingham negli USA nella prima metà dell’800, che determinarono il successo finanziario della sua famiglia grazie alla produzione e al commercio del vino marsala. L’archivio offre uno spaccato del modus operandi della nuova classe borghese emergente, che tanto peso avrà nelle vicende politiche successive. Le informazioni contenute nelle unità documentarie costituiscono dunque una fonte di primaria importanza per ogni ricerca di storia economica e sociale sulla Sicilia dell’800.

Pietro Alagna, presidente di Pellegrino. Nato a Marsala nel 1928, Alagna è considerato uno dei “Signori del vino siciliano”. Un uomo d’altri tempi. Appassionato d’arte, cultura e musica, con una naturale inclinazione alle attività di mecenatismo volte a tutelare e difendere l’identità storica del territorio di Marsala. Sempre dedito al lavoro e alla famiglia, considerati come un’unica realtà, inizia il suo percorso in Pellegrino nel 1951 dopo la laurea in Scienze Agrarie. Orfano di padre, trova subito un importante riferimento nella figura dello zio, Paolo Pellegrino, che lo adotta moralmente e lo guida nella sua crescita umana e professionale. Dopo aver ricoperto prima il ruolo di Dirigente tecnico e poi quello di Amministratore Delegato, diventa Presidente di Cantine Pellegrino, l’azienda di famiglia. Uomo di grande cultura, nel 1978 è stato insignito dell’onorificenza MBE Member British Empire ricevuta direttamente dalla Regina Elisabetta II. Oggi all’età di 90 anni rappresenta una figura di grande esempio per i familiari e i collaboratori. Coltiva ancora la passione per la musica classica, l’arte, la letteratura – soprattutto quella legata al romanticismo russo – e la storia, in particolare dei paesi del Mediterraneo nel ‘500. Il legame indissolubile tra la famiglia e la cantina è rimarcato anche dalla sua dimora privata, un’elegante villa in stile Liberty costruita alla fine dell’800, durante la Belle Époque. La villa sorge di fronte l’ingresso di Cantine Pellegrino e a essa è collegata attraverso dei passaggi interni ancora oggi utilizzabili. Un dettaglio che rimarca il forte legame tra vita privata e azienda, per un personaggio che ha sempre considerato la cantina come casa e i collaboratori come parte della propria famiglia.

Pietro Alagna, presidente di Cantine Pellegrino di Marsala

Pellegrino Ouverture si trova al Lungomare Battaglia delle Egadi 10, a Marsala, ed è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, il sabato dalle 10 alle 13, per informazioni 0923.719970/80 email visite@carlopellegrino.it, pagina web www.carlopellegrino.it.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 24 gennaio 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

Raffaello Piraino: «A casa mia ci sono più di due secoli di storia del costume»

Sono 5mila i pezzi datati dal 1700 al 1940 che compongono la prestigiosa collezione del Museo del Costume Raffaello Piraino che include uno dei pochi abiti di Franca Florio e quello di Concetta Corbera, raccolta in un trentennio dall'ex docente dell'Accademia di Belle Arti e custodita in un antico palazzo del centro storico di Palermo, che dal 26 gennaio sarà esposta a Caltanissetta

Antonio Di Grado: «La lettura polemica della storia ha fatto grandi gli scrittori siciliani»

Viaggio nella storia della letteratura siciliana, cultura europea, con il professore catanese, prestigioso italianista, osservatore della realtà senza dogmatismi: «Dopo il trauma della scomparsa dell'Isola separata, travolta dall'omologazione, i nostri scrittori hanno ribaltato l’isolamento in osservatorio critico, demistificando gli slogan e gli alibi del Potere e della modernità»

Enciclopedia italiana riproduce la Bibbia miniata di Cavallini

Il sindaco di Catania, Enzo Bianco, ha ricevuto Massimo Bray, direttore di Enciclopedia Italiana, che stamperà il prezioso volume custodito a Catania. Nelle intenzioni dell'ex ministro dei Beni culturali anche quello di riprodurre l'Officium Beatae Mariae Virginis

I segreti svelati dalle Mummie di Piraino

Dai rituali funerari all'alimentazione, fino alle malattie che affliggevano i sacerdoti della cittadina messinese nel XVIII e XIX secolo. Ecco alcuni dei risultati dello studio condotto da un gruppo di ricerca internazionale e diretto dall'antropologo messinese Dario Piombino-Mascali nell'ambito del progetto "Mummie Siciliane"

Lettera a "mamma" Rosa Balistreri: «Felice di condividerti con il mondo»

I "90 anni" della Cantatrice del Sud, li avrebbe compiuti il 21 marzo, sono ricordati dal nipote Luca Torregrossa, da sempre "figlio" essendo cresciuto al fianco della cantante licatese scomparsa nel 1990: «Oggi tutti si dicono figli tuoi e amano le tue canzoni. Tu avresti voluto essere riconosciuta in vita, mentre eri piena delle tue forze e con la tua voce trasmettevi amore, rabbia, dolore»

«L'amore tra De Roberto e Ernesta fonte eterna di ispirazione letteraria»

Sarah Zapulla Muscarà ha curato con il marito Enzo Zappulla la raccolta epistolare "Si dubita sempre delle cose più belle" che raccoglie 800 lettere che narrano l'amore impossibile tra lo scrittore siculo-partenopeo e la nobildonna milanese: «De Roberto aveva promesso all'amata un romanzo epistolare che poi non scrisse. Sono le stesse lettere a comporre un romanzo»