martedì 24 ottobre 2017

martedì 24 ottobre 2017

MENU

A Enna il festival della legalità "Tale' Tale' Talia"

Eventi

Con l'organizzazione dell'associazione l'Alveare diretta da Paolo Patrinicola, dal tre al sei maggio il Teatro comunale Garibaldi della città sarà aperto tutto il giorno, la mattina per accogliere scuole di Palermo, Bari, Bologna, Ferrara ed il Lincoln di Enna impegnate nella comunicazione di legalità e integrazione. La sera spazio a musica e teatro


di Redazione SicilyMag

Con " se l'arte è donna" portato in scena dai ragazzi dell'Istituto superiore stilare Lincoln di Enna inizia il 3 maggio alle ore 9.30 il primo "Festival nazionale della legalità -Tale' Tale' Talia". «Tale' Tale' Talia - spiega il direttore del festival Paolo Patrinicola - è scioglilingua che esprime meraviglia. Quasi ci si dovesse stupire che c'è ancora legalità in giro. Uno scioglilingua scelto non causalmente perché vuole essere anche un omaggio ad Antonio Maddeo, regista ennese, che ha lo ha utilizzato in un suo lavoro teatrale ed a cui è dedicato il premio della critica». Il festival di cui è ideatore e direttore Paolo Patrinicola nasce in collaborazione con l'Associazione culturale l'Alveare di Enna di cui è presidente Caterina Polopoli ed il Cpia di Caltanissetta ed Enna di cui è preside Giovanni Bevilacqua ed ha il patrocinio del comune di Enna, dell'Ersu di Enna, dell'Assemblea regionale siciliana, l'assessorato regionale allo sport turismo e spettacolo, dell'Ersu di Enna, dell'Assemblea regionale siciliana.

Durante la prima serata alle 20 sarà proiettato in anteprima il cortometraggio "Che altri occhi ti guardino" realizzato dai video maker Fabio Leone ed Antonella Barbera con i ragazzi dell'I.s.s Lincoln di Enna. Il corto, dedicato alla memoria di Peppino Impastato ha le musiche firmate da Giacomo Cuticchio. Al termine della proiezione Lucia Sardo sarà sul palco del Garibaldi di Enna con "La madre dei ragazzi".

Lucia Sardo in La madre dei ragazzi

Sei le scuole che partecipano a questa prima edizione provenienti da Palermo, Bari, Bologna, Ferrara ed il Lincoln di Enna (unica scuola del territorio presente) impegnate nel festival che mette in palio un premio da 600 per il primo classificato, 400 per il secondo e 300 per il terzo. Istituito anche il premio della critica intitolato ad Antonio Maddeo, regista ennese cui sarà dedicata nel foyer del Garibaldi una mostra. Anche questo è un premio in denaro da 500 euro. La giuria è composta da Antonio Ortoleva giornalista, Carlo Greca attore, Walter Amorelli esperto di teatro. A condurre le quattro giornate del festival nazionale della legalità l'attrice ennese Lorenza Denaro.

«Realizzare progetti di qualità, che durino nel tempo per creare scambio di esperienze e rilancio dell'economia si può e si deve. Perché Enna lo merita». Ne è convinto Paolo Patrinicola ideatore e direttore del primo Festival nazionale della legalità - Tale' Tale' Talia che dal 3 al 6 maggio porterà ad Enna 6 scuole da Palermo, Ferrara, Bari e Bologna ed una serie di spettacoli con attori come Lucia Sardo impegnata in "la madre dei ragazzi",prime teatrali come "viva Falcone" di Antonio Lovascio" e Rita Botto la sera conclusiva. «È sempre stato un mio grande desiderio realizzare qualcosa per Enna. Credo che tutti dovrebbero lavorare a percorsi di condivisione su temi essenziali per la società. Vogliamo trasmettere i valori di legalità ed integrazione creando una rete in cui quello che si fa non sia fine a se stesso, ma di qualità e durevole nel tempo». Per questo Patrinicola ha coinvolto l'associazione l'Alveare di cui è presidente Caterina Polopoli ed il Cpia di Enna e Caltanissetta di cui è preside Giovanni Bevilacqua. «I migranti - continua- qui non sono figurine da attaccare ad un album di presenze da esibire, ma parte integrante di un messaggio basilare. Abbiamo coinvolto anche la realtà di Made in Castelvolturno che si occupa,del recupero di ragazze migranti costrette alla strada recuperate grazie al lavoro di sartoria».

Per rendere la loro presenza più emblematica il 5 maggio ad indossare i loro abiti sul palco del Garibaldi saranno le ragazze del centro di accoglienza di Villarosa e le ragazze del Lincoln di Enna. A Peppino Impastato è dedicata la prima serata, quella del 3 maggio, in cui sarà proiettato il cortometraggio "Che altri occhi ti guardino" dei video maker Fabio Leone ed Antonella Barbera con la colonna sonora di Giacomo Cuticchio realizzato con i ragazzi del Lincoln. Il Garibaldi di Enna sarà aperto dalla mattina alla sera. La mattina con le scuole che partecipano al festival, la sera per gli spettacoli in cui si esibiranno anche artisti ennesi come Davide Campisi il 4 maggio e studenti ennesi che porteranno fuori concorso "Scimmie" di Alessandro Gallo il 5. Il Festival ha avuto il supporto del Comune e della Regione siciliana perché ritenuto in grado di contribuire ad un percorso virtuoso con al centro Enna come motore di interesse culturale e per il turismo scolastico. Ad esempio, ci saranno in platea per la prima serata, 27 ragazzi della compagnia "Liberi come attori" del liceo Vaccarini di Catania. Per assistere al festival basta contattare la segreteria organizzativa segreteria@lalveareenna. Ad Antonio Maddeo regista ennese è stato intitolato il premio per la critica e nel foyer sarà allestita una mostra.

Il programma

3 Maggio

ore 9.30 - spettacolo - "Se l'arte è donna" - I.I.S. Abramo Lincoln - Enna
Ore 20 - Cortometraggio - "Che altri occhi ti guardino" - I.I.S. Abramo Lincoln - Enna, regia di Antonella Barbera e Fabio Leone, colonna sonora di Giacomo Cuticchio, dedicato alla Memoria di Peppino Impastato.
Ore 21 - spettacolo - "La madre dei ragazzi" con Lucia Sardo, regia di Marcello Cappelli

4 Maggio

Ore 11.30 - spettacolo - "Tu, da che parte stai" - I.I.S Liceo Classico Vittorio Emanuele II - Palermo.
Ore 20 - Omaggio musicale di e con Davide Campisi
Ore 21 - spettacolo - "Viva Falcone" di e con Antonio Lovascio

Antonio Lovascio in Viva Falcone

5 Maggio

Ore 9.30 - spettacolo - "Keep calm and follow the law" - I.T.I. N.Copernico - A.Carpegiani - Ferrara.
Ore 11.30 - spettacolo - "Big Bang" - I.T.I. G.Salvemimi - Casalecchio di Reno - Bologna
Ore 20 - Con la gentile collaborazione del CPIA di Enna e Caltanissetta interverrà l'autore Allessandro Gallo
Ore 21 - spettacolo - "Scimmie" - Associazione Culturale L'Alveare

6 maggio

Ore 9.30 - spettacolo - "Antigone" - I.I.S. Liceo Classico e Scientifico M.Spinelli Giovinazzo - Bari.
Ore 11.30 - spettacolo - "Io pretendo la felicità" - I.I.S. Regina Margherita - Palermo.
Ore 20.30 - Gran galà delle premiazioni del I° Festival Nazionale della Legalità - Teatro Scuola 2017.
Ospite d'onore Rita Botto e l'ensemble del M° Carmelo Capizzi Hugues Ensemble - I.I.S. N.Colajanni - Enna


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 02 maggio 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Le artigiane etnee intessono
il territorio di cultura

Il 14 e 15 ottobre Trecastagni ospita la prima edizione di "Un Vulcano di libri" una iniziativa dell'associazione Le Trame che coniuga editoria, arte, argianato e tutela dell'ambiente

Ibla Buskers, quattro giorni di gioia ed allegria

Un entusiasmo contagioso quello che ha pervaso dal 5 all'8 ottobre la 23esima edizione di Ibla Buskers, la festa degli artisti di strada di Ragusa, promossa dall'associazione Edrisi in sinergia con il Comune ibleo. Francesco Pinna, presidente dell'associazione Edrisi: Siamo molto contenti del calore che ogni anno il pubblico riesce a regalarci»

Riflettori su Ibla, largo ai buskers. La cronaca dei primi due giorni

Entra nel vivo la 23esima edizione del festival intyernazionale di artisti di strada di Ragusa Ibla. Appuntamenti e spettacoli fino a domenica 8 ottobre

Sabir, la lingua franca che unice il Mediterraneo

Ritorna l'appuntamento con il SabirFest, il festival dedicato alla cultura e cittadinanza mediterranea che dal 5 all'8 ottobre si svolgerà tra Messina, Catania e Reggio Calabria, quest'anno dedicato alle "(s)cortesi ipocrisie" in merito ad accoglienza, ingiustizie e violenza

Letterature migranti, 50 rilessioni per capire il Contemporaneo

Torna a Palermo dal 4 all'8 ottobre il festival, diretto da Davide Camarrone, che vuole raccontare - tra libri, musica e arti visive - le migrazioni come condizione ordinaria, e non più straordinaria, della vita dei popoli. Camarrone: «100 incontri per 50 libri di 50 autori, non tutti ancora in vita, che giudichiamo essenziali alla comprensione del Contemporaneo»