domenica 24 marzo 2019

domenica 24 marzo 2019

MENU

A Catania la mostra che celebra i 70 anni di Tex Willer

Arte

Dall'11 gennaio al 9 marzo la Galleria d'Arte Moderna la mostra che celebra il fumetto nato dalla penna di Gian Luigi Bonelli e che con le sue storie avvincenti ha appassionato bambini e adulti di tutte le generazioni


di Redazione SicilyMag

Era il 30 settembre del 1948 quando dalla penna di Gian Luigi Bonelli nacque il personaggio western più amato d’Italia, Tex Willer. Le sue storie avvincenti hanno appassionato bambini e adulti di tutte le generazioni, accompagnandoli lungo questi 70 anni. Tra le valli dell’Arizona, il Texas e il Nuovo Messico, Tex affronta i suoi nemici e vive le sue travolgenti avventure. Il pistolero affiancato dai suoi tre pards (soci) percorre deserti e praterie americani con il solo scopo di difendere i più deboli cittadini onesti dai fuorilegge e criminali, non facendo alcuna differenza di razza e colore. Lo sceriffo, senza macchia e senza paura, è sempre disposto a tutto pur di far rispettare la legge anche infrangerla, Tex è un eroe dalle caratteristiche di antieroe, nervi saldi, prestanza fisica, abile stratega cavalca e spara, con la sua colt 45, contemporaneamente sfoderando un’invidiabile destrezza.

Il suo essere un modello anticonvenzionale, del tutto fuori dagli schemi, ha reso questo celebre personaggio amato da tutti, il primo fumetto esordì nel 1948 nel formato in strisce così come si usava a quei tempi e da allora la pubblicazione non si è mai fermata. La camicia gialla, il cravattino nero, i jeans, gli stivaloni le pistole e il cappello Stetson, sono segni inconfondibili di Willer, diventato personaggio iconico della cultura pop italiana dal dopoguerra ad oggi. Dalle selvagge gole del Rainbow Canyon, Tex irrompeva in un’Italia ancora segnata dalla guerra, un paese sofferente da ricostruire che aveva bisogno di volare con la fantasia verso luoghi lontani anacronistici, distaccandosi dalla triste realtà, un far west dove un pistolero antipolitico, antirazziale e dalla profonda vocazione civile difende gli ultimi e diventa amico dei nativi americani, facendoli apparire per la prima volta nella storia non come dei selvaggi ma come un popolo dotato di una radicata cultura.

I 70 anni di un eroe intramontabile meritano di essere festeggiati al meglio e proprio da questo prende corpo a Catania la mostra intitolata Tex Willer, 70 anni sotto il vulcano, un omaggio a un personaggio icona pop italiana, che è riuscito a resistere al tempo e alle mode; cambiano le epoche e il modo di comunicare ma il fumetto di Tex resta un punto fermo. La mostra, allestita all’interno del GAM (Galleria Arte Moderna) e realizzata grazie alla collezione privata del curatore Matteo Belfiore, consiste in un percorso espositivo attraverso disegni originali, stampe, tabelloni e quadri sinottici, oltre 40 opere, di cui molte uniche, che raccontano la storia e l’evoluzione del fumetto e del personaggio di Tex.
Belfiore ha così concepito lo spazio all’interno della galleria suddividendolo in aree tematiche: “Tex Chi è “, “I disegni originali”, “Le storie più belle”, “Tex incontra la storia”, “Ispirazioni” e “Tex il futuro”.
Il visitatore verrà proiettato nel far west di Willer, vedrà le particolarità dell’eroe attraverso il ritratto fatto dai suoi disegnatori nel corso degli anni, in tele rarissime, che permettono di apprezzarne l’evoluzione grafica e narrativa.

Una sezione sarà dedicata alle copertine degli albi che hanno tratto ispirazione dalle locandine di noti film, del resto i tratti somatici di Tex nel tempo hanno più volte ricalcato i profili di noti interpreti di pellicole western, da Gary Cooper, a Charlton Heston, da john Wayne fino a Clint Eastwood. Durante i suoi 70 anni Tex Willer ha viaggiato in tutta l’America dalle fredde foreste del Grande Nord all’Arizona, alle aride praterie americane, ai deserti infuocati del Messico, dal Rio Grande all’Oceano Pacifico, in sella al suo destriero ha vissuto mille avventure e incontrato tanti amici e altrettanti nemici ma tra le pagine del fumetto è possibile trovare anche dei personaggi realmente esistiti. Nella mostra saranno visibili attraverso appositi pannelli le storie i cui Tex ha incontrato celebri uomini come il Generale Custer e si è trovato in contesti storici realmente accaduti per esempio nella Battaglia di Little Big Horn.

Tex Willer 70 anni sotto il vulcano oltre a rivolgere un occhio al passato e a ciò che ha reso grande il nostro eroe, vuol anche guardare al futuro e per questo un’area tematica sarà riservata alle nuove linee editoriali, albi che esploreranno quella parte del personaggio di Tex finora raccontata solo tramite pochi flashback, la sua giovinezza.
«Tex Willer è una delle icone della cultura popolare del nostro paese – ha affermato il curatore Matteo Belfiore – è riuscito a resistere a 70 anni di storia crescendo insieme ad essa, ma senza modificare alcuna caratteristica dei suoi contenuti. Se nel 1948, nel dopo guerra, c’era grande desiderio di un personaggio che attraverso la semplicità delle sue storie riuscisse a risolvere enormi problemi, oggi chiunque vorrebbe essere Tex che rappresenta la quinta essenza della giustizia, efficace e sempre dalla parte dei giusti. Forse è proprio per la fame di giustizia che abbiamo oggi Tex Willer è più attuale che mai».

La mostra Tex Willer, 70 anni sotto il vulcano, organizzata dall’Associazione Culturale Leaf, sarà visitabile da venerdì 11 gennaio al 9 febbraio (prorogata al 9 marzo) alla Galleria d’arte moderna di Catania in via Castello Ursino, 26, ingresso gratuito.

All’inaugurazione di giorno 11 gennaio (ore 17) parteciperanno il sindaco della città metropolitana di Catania Salvo Pogliese, l’assessore alla cultura Barbara Mirabella, il curatore Matteo Belfiore. Sarà presente all’inaugurazione anche Pasquale Ruiu, celebre sceneggiatore della casa editrice Sergio Bonelli editore. «Tornare a Catania è sempre una gioia poiché è una realtà vulcanica e aperta a positive attività culturali - ha affermato Pasquale Ruiu - ringrazio Matteo Belfiore per aver organizzato questa mostra dedicata a Tex Willer, personaggio che dall’età può sembrare “anziano” ma che, grazie al suo carisma si è evoluto con i tempi, riuscendo a mantenersi punto di riferimento per le nuove generazioni».
Durante il periodo di permanenza della mostra saranno organizzati quattro eventi che racconteranno il mondo di Tex dandone diverse interpretazioni, dal cinema alla letteratura, dalla moda al teatro. Inoltre non mancheranno spazi adibiti ai più piccoli, con letture e attività didattiche e un angolo interattivo dove poter apprezzare Tex con adeguati supporti digitali. Tex Willer, 70 anni sotto il vulcano è una mostra rivolta a tutti, appassionati del fumetto e del personaggio, amanti del far west, ma anche chi si è accostato solo una volta alle storie del pistolero più famoso o a chi vuol conoscere una vera star pop della cultura italiana. Tex si è conquistato un posto di rispetto nella storia dei fumetti restando sulla cresta dell’onda per 70 anni e risultando il più longevo eroe italiano dei fumetti.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 07 gennaio 2019
Aggiornato il 01 febbraio 2019 alle 11:59





TI POTREBBE INTERESSARE

Il Genio di Leonardo Da Vinci in mostra a Palermo

Si inaugura a Palazzo Bonocore il 13 aprile la mostra “Leonardo da Vinci la Ragione dei Sentimenti”

Quella liason pericolosa tra Kim e Donald è un gioco da bambini

Fino al 24 marzo al padiglione Zac dei Cantieri alla Zisa di Palermo la mostra Pyongyang Rhapsody - The Summit of Love di Max Papeschi e Max Ferrigno che deride i tratti infantili dei due bizzarri capi di Stato

Lorenzo Ciulla: «Sono un artigiano, un "pittastorie"»

L'artista nisseno, per molti anni frontman dei "Merce Fresca", ha mollato città natale, musica e lavoro fisso, per dedicarsi a tempo pieno alla pittura. E dopo aver esposto i suoi quadri pop-surreali anche a Londra, dall'1 al 21 febbraio sarà al Fico Eataly World di Bologna con la personale “La vita è come un gioco”, 18 coloratissime tele dalle quali trasuda energia

Donald Trump e Kim Jong-un "si incontrano" a Palermo

Dal 24 gennaio al 24 marzo allo Zac dei Cantieri culturali alla Zisa, con la mostra "Pyongyang Rhapsody | The Summit of Love" gli artisti Max Papeschi e Max Ferrigno trasformano la "pace" tra i due leader totalitari del 12 giugno scorso in un palcoscenico surreale di un confronto forzato e irridente, grottesco ed inverosimile, creando un gioco di specchi tra i personaggi

Salvatore Accolla: «Dopo 15 anni di manicomio la mia vita in un film»

Alla vita dell'outsider siracusano, una "istituzione nella città aretusea dove lo si può facilmente incontrare alle porte di Ortigia, è dedicato il film documentario "Accolla (e il cavallino rosso a Siracusa)" del regista varesino Paolo Boriani che ha voluto riassumere i 72 anni della travagliata vita dell'artista seguendolo in una sua "giornata tipo" tra smalti colorati e pennelli

Il ritorno in Sicilia di Antonello da Messina

Ci sono voluti più di cinque secoli per rimettere insieme l'eredità visiva di Antonello Da Messina, il più grande ritrattista del '400. Oggi la metà delle sue opere, quelle sopravvisute a ogni tipo di calamità naturale, fanno bella mostra in un'unico straordinario allestimento, visitabile dal 14 dicembre al 10 febbraio, alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis di Palermo