martedì 24 ottobre 2017

martedì 24 ottobre 2017

MENU

10 anni di Teatro del Fuoco, il racconto della vita si rinnova

Eventi

Per festeggiare la prima decade del progetto artistico della palermitana Amelia Bucalo Triglia, nato per rappresentare la forza della cultura italiana nel mondo attraverso l'arte del fuoco coniugato a tutte le arti espressive, martedì 1 agosto al Castello a Mare di Palermo sarà proposto lo show “10” in cui si esaltano tutti i significati positivi del fuoco: dalla vita alla purificazione


di Beatrice Levi

Celebrare il fuoco come fonte di luce, di ispirazione, come soffio vitale e purificatore. Trasformarlo, donarlo sotto forma di spettacolo, farne apprezzare l’essenza più intrinseca. E’ da questa visione che 10 anni fa è nato il Teatro del Fuoco - International Firedancing Festival, uno show (ma anche un festival) ideato da Amelia Bucalo Triglia, giornalista e organizzatrice palermitana di eventi, con un passato di esperto per la comunicazione e l’immagine, che è anzitutto una fantasiosa visionaria, una sognatrice che ama il bello, tanto da riuscire a crearlo, e a renderlo accessibile a tutti.

Amelia Bucalo Triglia

Il Teatro del Fuoco è il progetto al quale si è dedicata, anima e corpo, negli ultimi 10 anni. Un progetto ambizioso che in questi lunghi anni ha coinvolto oltre 100 artisti, 500 persone di 25 nazionalità diverse e oltre 80 aziende. Era il 2007 quando Amelia Bucalo Triglia insieme a un grafico italiano, un viaggiatore austriaco e uno studente neozelandese hanno iniziato a creare il Teatro del Fuoco: un prodotto che potesse rappresentare attraverso l’arte la forza della cultura italiana con l’innovazione internazionale. Scelgono le isole Eolie per lanciare l’iniziativa, perché è necessario fare sistema iniziando dai vulcani attivi e vitali, e dai luoghi selvaggi e incontaminati tutelati dall’Unesco.

Teatro del fuoco, Sparkling lovers

Da quell’inizio è stato un crescendo. In questi dieci anni Il Teatro del Fuoco ha ricevuto una medaglia di riconoscimento dal Presidente della Repubblica Italiana quale prodotto di marketing turistico culturale innovativo, la rivista americana Forbes lo ha indicato tra i 12 festival più cool al mondo, per cui vale la pena fare un viaggio, ed è stato ingaggiato dal Ministero della Difesa per rappresentato l'Italia a Tokyo, in occasione del 150º anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone.

Teatro del fuoco, Sparkling lovers

Ma che cosa è il Teatro del Fuoco? Più che qualificarsi come kermesse spettacolare di puro intrattenimento, il Teatro del Fuoco si propone come un progetto artistico a tutto tondo, volto a diffondere l'arte del fuoco attraverso sette canali espressivi che vanno dalla danza al canto, fino al mimo e al cabaret, passando per tutte le arti espressive. L'introduzione di queste discipline artistiche muove dalla volontà di far ritrovare la bellezza dell'espressione del corpo e del gesto, strumenti sublimi e troppo spesso dimenticati e mortificati dalla comunicazione virtuale, tanto in voga negli ultimi tempi.

Teatro del fuoco, Sparkling islands - ph Olech

Il progetto, che chiama a raccolta ogni volta gli artisti più bravi al mondo nelle discipline della danza, dell’acrobatica e del mimo con il fuoco, è anzitutto un’esperienza che emoziona e lascia il pubblico con il fiato sospeso. Uno show che è un indimenticabile viaggio evocativo tra suggestioni e rappresentazioni di altissimo livello, portate in scena da artisti che provengono da Germania, Polonia, Argentina, Israele, Spagna, Italia, Repubblica Slovacca e Ungheria: tutti amanti della bellezza, della cultura e della condivisione, coreografati dal ballerino palermitano Enzo Caruso. Artisti dalle diverse identità, costumi dai colori sgargianti, muscoli e forme sinuose si fondono a coreografie e scenografie infuocate per trasmettere messaggi che riportano all'unità, alla multiculturalità, alla condivisione e al rispetto.

Teatro del Fuoco, Dr. Nick - ph Jelena Aleksic

Martedì 1 agosto al Castello a Mare di Palermo sarà proposto lo show “10” che celebra l'inizio del decimo anno del Teatro del Fuoco, International Firedancing Festival. Uno spettacolare evento in cui verrà celebrato il fuoco, e non poteva essere diversamente. Dal fuoco rubato da Prometeo agli Dei per donarlo agli uomini, dei viaggiatori nel tempo e nello spazio colgono attraverso miti e leggende della natura e del genere umano la forza che genera la vita, l'amore e la creatività. La storia si ripete per raccontare il fuoco benefico della vita che distrugge per rigenerarsi in nuove brillanti potenziali scintille. La fantasia viaggia con figure antropomorfe, angeli ed animali ancestrali, Icaro, Demetra, Prometeo, le ninfe delle stelle, in una terra in cui gli elementi determinano l’innamoramento e gli esseri umani brindano per la grande festa della vita. A differenza del Nevada “Burning Man”, considerato il festival più famoso al mondo e che riduce in cenere le sue sculture, le scenografie e sculture del Teatro del Fuoco (tutte realizzate in rame) esalteranno i significati positivi del fuoco, che è fonte di luce e di ispirazione, ma anche soffio vitale e purificazione. Perché il Teatro del Fuoco racconta la vita, in un rinnovarsi continuo.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 luglio 2017
Aggiornato il 31 luglio 2017 alle 20:21





TI POTREBBE INTERESSARE

Le artigiane etnee intessono
il territorio di cultura

Il 14 e 15 ottobre Trecastagni ospita la prima edizione di "Un Vulcano di libri" una iniziativa dell'associazione Le Trame che coniuga editoria, arte, argianato e tutela dell'ambiente

Ibla Buskers, quattro giorni di gioia ed allegria

Un entusiasmo contagioso quello che ha pervaso dal 5 all'8 ottobre la 23esima edizione di Ibla Buskers, la festa degli artisti di strada di Ragusa, promossa dall'associazione Edrisi in sinergia con il Comune ibleo. Francesco Pinna, presidente dell'associazione Edrisi: Siamo molto contenti del calore che ogni anno il pubblico riesce a regalarci»

Riflettori su Ibla, largo ai buskers. La cronaca dei primi due giorni

Entra nel vivo la 23esima edizione del festival intyernazionale di artisti di strada di Ragusa Ibla. Appuntamenti e spettacoli fino a domenica 8 ottobre

Sabir, la lingua franca che unice il Mediterraneo

Ritorna l'appuntamento con il SabirFest, il festival dedicato alla cultura e cittadinanza mediterranea che dal 5 all'8 ottobre si svolgerà tra Messina, Catania e Reggio Calabria, quest'anno dedicato alle "(s)cortesi ipocrisie" in merito ad accoglienza, ingiustizie e violenza

Letterature migranti, 50 rilessioni per capire il Contemporaneo

Torna a Palermo dal 4 all'8 ottobre il festival, diretto da Davide Camarrone, che vuole raccontare - tra libri, musica e arti visive - le migrazioni come condizione ordinaria, e non più straordinaria, della vita dei popoli. Camarrone: «100 incontri per 50 libri di 50 autori, non tutti ancora in vita, che giudichiamo essenziali alla comprensione del Contemporaneo»