sabato 27 maggio 2017

sabato 27 maggio 2017

MENU

Cannes, Sicilian Ghost Story di Grassadonia e Piazza apre la Semaine de la critique

Visioni

I registi palermitani reduci dal successo di "Salvo" sono stati invitati personalmente dal direttore Charles Tessonad ad aprire il 18 maggio la prestigiosa edizione, ed è la prima volta per un film italiano. Interamente girato nel Parco regionale dei Nebrodi e a Troina «il film è una favola nera - dicono i registi -, una ghost story siciliana, sul piano fantastico è favola d’amore»


di Redazione SicilyMag

I registi palermitani Fabio Grassadonia e Antonio Piazza volano sempre più in alto. Dopo il successo ottenuto con “Salvo” nel 2013, sarà il loro nuovo film “Sicilian Ghost Story” ad aprire la 56esima edizione della Semaine de la Critique al Festival di Cannes. Dopo aver vinto con con la loro opera prima il Gran Premio della Semaine e il Premio Rivelazione al 66° Festival di Cannes, i due registi sono stati invitati dal direttore Charles Tessonad aprire la prestigiosa sezione, ed è la prima volta per un film italiano.

Antonio Piazza Fabio Grassadonia - ph Giulia Parlato

«Antonio Piazza e Fabio Grassadonia aprono la Semaine de la Critique del Festival di Cannes con un incredibile film – ha detto il direttore Tesson- incrocio di generi diversi, che combina sguardo politico, fantasia e storia d’amore, con potente maestria».
“Sicilian Ghost Story” è il primo film interamente girato tra i laghi e le foreste del Parco regionale dei Nebrodi e nel Comune di Troina, nel cuore della Sicilia, un set di straordinaria bellezza naturalistica, valorizzato dalla maestria del direttore della fotografia, Luca Bigazzi. La storia gira intorno alla scomparsa di Giuseppe un ragazzino di tredici anni. Luna, una compagna di classe innamorata di lui, non si rassegna alla sua misteriosa sparizione. Si ribella al silenzio e alla complicità che la circondano e pur di ritrovarlo, discende nel mondo oscuro che lo ha inghiottito e che ha in un lago una misteriosa via d’accesso.
«Come diceva Leonardo Sciascia, "La Sicilia è tutta una fantastica dimensione e non ci si può star dentro senza fantasia". La collisione fra un piano di realtà e un piano fantastico ci ha fatto riconoscere gli elementi che da tempo avevamo davanti agli occhi: un fantasma e la colpa di un mondo che sopprime bambini - raccontano i registi - . Elementi per una ghost story. Una ghost story siciliana e, in quanto tale, sul piano di realtà, favola nera. Una ghost story siciliana e, in quanto tale, sul piano fantastico, favola d’amore».

Julia Jedlikowska in Sicilian Ghost Story - ph Giulia Parlato

Protagonisti del film sono i tredicenni Julia Jedlikowska (Luna), polacca palermitana, e Gaetano Fernandez (Giuseppe) del quartiere Zisa di Palermo, entrambi per la prima volta sul grande schermo, incontrati dopo un lungo casting di nove mesi in Sicilia. Al loro esordio anche gli altri quattro ragazzi coprotagonisti: Corinne Musallari, Lorenzo Curcio, Andrea Falzone, Federico Finocchiaro. Al loro fianco gli attori SabineTimoteo, Vincenzo Amato, Filippo Luna e Nino Prester. Durante l’estate e prima delle riprese, sotto la guida dei registi, i ragazzi hanno partecipato a un laboratorio di preparazione, articolato in più fasi, che poco per volta li ha condotti dentro la storia e nei luoghi in cui si sono svolte le riprese.
«Siamo particolarmente contenti di un riconoscimento così importante: inaugurare la Semaine de la Critique è un onore solitamente destinato a film francesi» ha detto Anthony Emanuele Barbagallo, Assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana che ha cofinanziato il film attraverso la Sicilia Film Commission, nell'ambito del programma Sensi Contemporanei.
«Per la prima volta nella storia del Festival - aggiunge Alessandro Rais, direttore dell’Ufficio Speciale per il cinema e l’audiovisivo di Sicilia Film Commission - questo primato è riservato ad un film italiano e questa importante e qualificata presenza è ancor più rilevante in una edizione che vede invece l'assenza di titoli italiani nel concorso ufficiale»
“Sicilian Ghost Story” ha ottenuto anche il primo posto nella graduatoria di finanziamento dei lungometraggi valutati dalla commissione della Regione Siciliana, a conferma della funzione di ricerca e valorizzazione dei migliori talenti siciliani svolta dall’Assessorato e dagli uffici preposti. Così come era già accaduto in passato per "Salvo", il film d’esordio di Piazza e Grassadonia, o per "L’attesa" di Piero Messina, per "Più buio di mezzanotte" di Sebastiano Riso o "I fantasmi di San Berillo" di Edoardo Morabito, premiati in seguito dai festival cinematografici internazionali più importanti.



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 21 aprile 2017
Aggiornato il 21 maggio 2017 alle 11:53



LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULL'ARGOMENTO

Con gli uomini del disonore la mafia uccide anche d'inverno

Venticinque anni dopo la strage di Capaci, in "Sicilian ghost story" Fabio Grassadonia e Antonio Piazza strappano la tragedia di Giuseppe Di Matteo dall'inferno terrestre per affidarla all'eterna fluidità della vita. Con quell'omicidio la mafia siciliana raggiunse l'apice di immoralità. Il film passa ai giovani il testimone di integrità morale in cui sperava Paolo Borsellino

Ultima modifica 21 maggio 2017 14:13

Sicilian Ghost Story, una fiaba nera dalle troppe pretese (mancate)

L'opera seconda dei registi palermitani Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, nelle sale dal 18 maggio, narra le vicende di uno dei fatti di cronaca più insostenibili orchestrati da Cosa Nostra, il rapimento e l'omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio di un collaboratore di giustizia. Le encomiabili intenzioni dei cineasti di rifiutare il manierismo tipico del cinema di mafia però, si scontrano con le legittime ma inespresse ambizioni autoriali

Ultima modifica 21 maggio 2017 11:52

Cannes, Sicilian Ghost Story di Grassadonia e Piazza apre la Semaine de la critique

I registi palermitani reduci dal successo di "Salvo" sono stati invitati personalmente dal direttore Charles Tessonad ad aprire il 18 maggio la prestigiosa edizione, ed è la prima volta per un film italiano. Interamente girato nel Parco regionale dei Nebrodi e a Troina «il film è una favola nera - dicono i registi -, una ghost story siciliana, sul piano fantastico è favola d’amore»

Ultima modifica 21 maggio 2017 11:53



TI POTREBBE INTERESSARE

Alessandro Aronadio: «Orecchie, viaggio nella quotidianità di un tragicomico Ulisse»

Nelle sale dal 18 maggio "Orecchie", il nuovo film del regista palermitano Alessandro Aronadio, è una produzione low-budget che è piaciuta ed ha coinvolto, a paga sindacale, attori di rango, da Pamela Villoresi a Rocco Papaleo, da Piera degli Esposti a Massimo Wertmuller: «Orecchie è una commedia obliqua, con gusto cinico si pone domande altissime»

Luca Vullo: «Lampedusa è un'isola in attesa»

Il regista e produttore siciliano si trova sull'isola al centro del Mediterraneo per girare un documentario con l'antropologa Adele Galipò e la sociologa Michela Franceschelli dell'University College di Londra indagando le trasformazioni sociali in contesti di emergenza: al centro della loro ricerca la comunità lampedusana

Il Cinema di Frontiera di Marzamemi a Torino per parlare di "confine"

Il Festival internazionale Cinema di Frontiera di Marzamemi ha aderito al progetto Superfestival del Salone del libro, il meglio delle manifestazioni che "producono cultura" in Italia. Il festival siciliano sarà presentato il 20 maggio, tra gli ospiti Pif e Maurizio Nichetti. Il direttore artistico Nello Correale: «Noi tra i primi in Italia ad occuparci di esplorare e declinare con il cinema il tema del confine»

Luca Vullo porta il Texas a Prizzi

Il regista e produttore siciliano sta documentando "Dallas in Prizzi" il progetto artistico dello psichiatra americano Dave Atkinson per il quale sono stati coinvolti tre famosi writers: Olivia Cole, Maria Haag e Frank Campagna

Il Sicilia Queer filmfest punta sul cinema sensuale di Abrantes

Il festival diretto da Andrea Inzerillo, in programma a Palermo dal 25 maggio all'1 giugno, proporrà la prima retrospettiva integrale di uno dei più promettenti registi contemporanei

Il primo film di Roberto Lipari: «Sono il rappresentante della Classe Z»

L’attore comico palermitano, arrivato al grande pubblico con la vittoria di "Eccezionale veramente", debutta al cinema nel nuovo film di Guido Chiesa - in sala dal 30 marzo - in cui interpreta il rappresentante di una classe di maturandi alle prese con l’esame di stato, un commissario scolastico (Antonio Catania) e un preside cattivissimo (Alessandro Preziosi)