domenica 23 aprile 2017

domenica 23 aprile 2017

MENU

Nel week-end di Pasqua aprono al pubblico le Stanze dell'Abbate

Territori

Al Monastero dei Benedettini di Catania aprono per la prima volta al pubblico, grazie alla sinergia tra il Disum e Officine Culturali, le stanze affrescate nel XVIII secolo


di Redazione SicilyMag

Si aprono al pubblico le porte delle Stanze dell’Abate in occasione della Pasqua. Le visite al Monastero dei Benedettini di Catania si arricchiscono grazie alla sinergia tra il Direttore del Disum, prof.ssa Marina Paino, e Officine Culturali
Nel quarantesimo anno della donazione del Monastero all’Università di Catania il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Officine Culturali hanno lanciato un programma di attività tese a celebrare l’immenso lavoro svolto per rendere i “Benedettini” un luogo aperto alla città e al territorio. In questo contesto si inserisce il calendario delle iniziative [1977-2017. Gli Uomini e la Fabbrica] e la riaccensione della fontana del Chiostro dei Marmi, il più antico nucleo dell’ex edificio monastico.

Monastero dei Benedettini, le Stanze dell'Abbate

In occasione delle festività pasquali verrà inoltre inaugurato una piccola ma sostanziale variazione del percorso guidato che da sette anni si snoda all’interno del Monastero. A seguito di una precisa scelta dal neo Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche, la professoressa Marina Paino, verranno aperte per la prima volta al pubblico le Stanze dell’Abate, attualmente adibite a Direzione di Dipartimento. Il percorso ordinario di Officine Culturali verrà dunque arricchito, includendo il passaggio nel magnifico quarto abbaziale, splendidamente affrescato nel XVIII secolo e studiato e restaurato dall’arch. Pagnano nell’ambito del recupero del Monastero diretto da Giancarlo De Carlo.
Il quartiere dell’abate realizzato dall’arch. Musumeci è uno degli ultimi interventi edilizi realizzati dai monaci che scelgono, insieme all’Abate, di destinarne una parte ad ospiti illustri in visita in occasioni particolari, come la celebrazione del Santo Chiodo. Anche per questa ragione venne riccamente affrescato con motivi classicheggianti che, come scrissero i monaci di Ormonde nel 1850, rendevano l’appartamento dell’Abate simile «ad una sala da ballo vista alla luce del giorno».

Monastero dei Benedettini, le Stanze dell'Abbate

I decori si completano con la rappresentazione delle Tre Grazie sulla volta realizzate da Giuseppe Rapisarda nel 1827 che con ironia Paul de Julvecourt commentò nel suo diario di viaggio scrivendo: «Povero Superiore, per ispirarsi nelle sue preghiera ha fatto dipingere al soffitto del suo salone tre grazie nude in forma di sante; è come spingere il desiderio del fervore».
Questo nuovo percorso, di cui il Direttore Paino è stata convinta promotrice, tenterà di far rivivere la sensazione che provavano gli ospiti del Monastero al cospetto di tanta bellezza e cura dei dettagli, ma sarà anche il momento per vedere con i propri occhi le tracce lasciate dagli architetti contemporanei per raccontare, attraverso le cicatrici che il tempo ha lasciato, le modifiche subite dalle Stanze dell’Abate tra il 1866 (data della confisca) e il 1977, arco di tempo in cui venne trasformata nella sala professori del Liceo Classico Spedalieri.
Il percorso così ampliato sarà fruibile durante gli orari di chiusura del Dipartimento e in assenza delle attività della Direzione del DISUM.

Monastero dei Benedettini, le Stanze dell'Abbate

Le visite guidate partiranno ogni ora dalle 9:00 alle 17:00 anche sabato 15, domenica 16 e lunedì 17 aprile. Visto il numero limitato di posti è consigliata la prenotazione ai numeri 0957102767 – 3349242464.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 14 aprile 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Installato Al Capo il Monumento a Franco e Ciccio

L'opera-monumento dedicata a Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, ideata dal Laboratorio Saccardi (Vincenzo Profeta e Marco Leone Barone) è stata realizzata grazie al finanziamento della compagnia di navigazione GNV e al contributo dei donatori digitali

I lampadari della Casina Cinese tornano all'antico splendore

Grazie alla sinergia pubblico-privato che ha visto coinvolto Il Gioco del Lotto, venticinque lampadari settecenteschi della Casina Cinese, all'interno del Real Parco della Favorita, sono stati oggetto di un restauro conservativo e ricollocati nelle postazioni originarie. L'11 e il 12 febbraio si celebra il restauro con un grande evento organizzato in collaborazione con Le Vie dei Tesori

Il villaggio Le Rocce di Taormina affidato ad Antonio Presti

Sarà il mecenate di Fiumara d'Arte a far rinascere attraverso l'arte un luogo meraviglioso ma abbandonato per oltre 50 anni

Land, la nuova Agorà di Catania

All'interno della Vecchia Dogana domenica 20 novembre si inaugura con un grande evento il nuovo spazio polifunzionale, suddiviso in sette aree, nato dalla creatività visionaria di Alessandro Scardilli e Alfredo Guglielmino

Nuovo cinema in paradiso. A Salina il sogno di Palazzo Marchetti

Obiettivo dell'associazione Didime '90 che lo gestisce, la storica dimora di Malfa, già sede di varie attività culturali, dovrà diventare una sala cinematografica visto che sulla piccola isola delle Eolie non c'è, idea sostenuta anche da Maria Grazia Cucinotta. Clara Rametta: «Possibili piccole donazioni». Il 25 agosto concerto di Noa e Gil Dor per sensibilizzare alla causa

Caltagirone tra antiche e nuove forme d'arte

Viaggio a tutto tondo nella Città della Ceramica, oggi dal fascino un po' agé, votata all'arte: quella antica dei presepi e delle ceramiche artigianali, ma anche quella del buon bere e del ben mangiare, fino all'arte contemporanea ospitata sull'imponente scalinata e sui muri dei quartieri