domenica 25 giugno 2017

domenica 25 giugno 2017

MENU

La Tavola Lucana di Leonardo da Vinci a Taormina per il G7

Arte

L'autoritratto del grande artista italiano arriverà in Sicilia il 22 maggio, ma sarà fruibile al pubblico solo dal 28 maggio al 4 giugno. Agevolazioni per i residenti


di Redazione SicilyMag

Arriverà a Taormina il 22 maggio e sarà esposta all’interno della Chiesa del Carmine la “Tavola Lucana” di Leonardo Da Vinci, una tavola di 60 x 44 cm rappresentante l’autoritratto del grande artista italiano. L’opera sarà visitata dalle delegazioni internazionali presenti al G7 e sarà fruibile al pubblico dal 28 maggio fino al 4 giugno.
L’iniziativa, prodotta da Fenice Company Ideas grazie all’intervento dell’art promoter Gianni Filippini e del curatore Prof. Nicola Barbatelli, è stata voluta dal Sindaco di Taormina Eligio Giardina e dall’Assessore alle Politiche Culturali Mario D’Agostino e va ad arricchire l’offerta culturale che vede a Taormina la presenza delle eccellenze italiane dell’arte. L’elemento più prezioso del ritratto lucano è rappresentato dalla soluzione del problema sull’aspetto fisico di Leonardo che, nonostante le più antiche indicazioni, risulta ancora oggi un problema aperto; dopo circa cinque secoli, col recupero di questo dipinto, si è finalmente ricostruito il volto del genio che nulla sembrerebbe a che fare col celebre ritratto di vecchio della Biblioteca Reale di Torino.

L’opera sarà posizionata al centro dello spazio espositivo della Chiesa del Carmine, all’interno di “Il Futuro sopravvenuto” un evento internazionale che mette in mostra le opere degli artisti di spicco del futurismo italiano. Curata da Giancarlo Carpi e Giuseppe Stagnitta in collaborazione con Serena Dell’Aira espone 70 opere importanti della Collezione Futur-Ism, della Collezione Ventura, della Collezione Trust Aletta e Fondazione Cirulli, Fondazione Evola e Collezione Luce Marinetti alcune delle quali esposte nelle mostre storiche organizzate dal movimento futurista in grandi rassegne internazionali dell’epoca, come la Biennale di Venezia del 1930 e, dopo lo scioglimento del movimento nel 1944, in alcuni tra i più prestigiosi musei del mondo, come il Centre Pompidou e il Musée d’Orsay di Parigi o il Guggenheim Museum di New York.

L’occasione data dal G7 ha portato Giuseppe Stagnitta a proporre all’artista innovatore Geo Florenti la realizzazione di un’installazione luminosa per sensibilizzare le delegazioni sui problemi ambientali, con l’autorevole patrocinio del Governo Romania. La sfida, accettata dall’artista, sarà di illuminare l’opera di Giacomo Balla, “Complesso Plastico colorato di frastuono + velocità” del 1910 e contestualmente anche l’ambiente che la ospita, rendendo l’opera e lo spazio circostante, fruibili e illuminati senza influire sui consumi di energia. L’idea lungimirante di Geo è quella di creare nuove tecnologie innovative nel campo dell’energia, applicando queste per illuminare, come in questo caso, le opere d’arte e gli spazi espositivi. L’istallazione, che ha la valenza di un vero e proprio impianto di illuminazione, ha una composizione e un funzionamento relativamente semplici. Per generare l’energia necessaria all’accensione istantanea delle proprie luci, il sistema utilizza piccole celle di silicio che riciclano la luce emessa da altre fonti luminose e laconvertono in altra energia utile. Da qui l’illuminazione a consumo zero.

Dal 28 maggio al 4 giugno la “Tavola Lucana” di Leonardo Da Vinci, la mostra “Il Futuro Sopravvenuto” e l’installazione luminosa di Geo Florenti saranno visibili al pubblico nei locali dell’ex Chiesa del Carmine (tutti i giorni dalle ore 10,00 alle ore 22,00). Domenica 28 maggio i residenti a Taormina avranno la possibilità di visitare il Museo al prezzo speciale di 6 euro.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 18 maggio 2017
Aggiornato il 07 giugno 2017 alle 11:55





TI POTREBBE INTERESSARE

Caterina Di Giacomo: «Il MuMe trampolino di lancio per Messinanuova»

La direttrice del Museo Interdisciplinare Regionale di Messina è pronta per la consegna al pubblico di sabato 17 giugno. Il Parco Museale di circa 17mila mq ospita circa 750 opere: non solo i capolavori di Caravaggio, Antonello da Messina, Gagini, Alibrandi e Montorsoli, ma anche la storica collezione del Museo Peloritano e centinaia di reperti salvati dal terremoto. Sabato apertura gratuita

Restauro a cantiere aperto per il Salottino di Palazzo Mirto

Probabilmente realizzato a inizio ‘800, e decorato con fiori dipinti e decorazioni plastiche in foglia d’oro, oggi il salottino da conversazione in stile olandese viene restaurato da La Via dei Tesori, secondo il desiderio del pubblico che lo ha votato durante il contest

Barbaro Messina: «L'Etna è tutto per me, è la madre terra»

Dopo tanti anni di creativo lavoro artigianale sulla pietra lavica, attività trasmessa al figlio Vincenzo, l'artista paternese, che guida la scuola d'artigianato di Nicolosi, si dedica ormai a tempo pieno alla pittura sulla pietra lavica ceramicata: «Una sofisticata tecnica di pittura sulla pietra lavica e di ceramizzazione da me inventata che è diventata nota, ed è studiata, a livello internazionale»

"L'Annunciazione" di Guido Reni a Nicosia, l'arte contro il terremoto

Dal 31 maggio al 5 novembre sarà esposta nella chiesa di San Calogero la nota tela del pittore barocco bolognese, proveniente dalla Pinacoteca civica di Ascoli, insieme con il Beato Bernardo Abate e il San Benedetto Abate di Giacinto Brandi, provenienti dalla chiesa ascolana di Sant’Angelo Magno. Il ricavato finanzierà il recupero di opere danneggiate dal sisma del 30 ottobre

Enzo Indaco: «L'Etna è l'anima della Sicilia»

Mancava con una mostra nella sua Paternò da 35 anni ed oggi l'artista etneo non nasconde l'emozione nel presentare in anteprima per SicilyMag “Circumnavigazione dell'Etna tra riti e miti”, 15 dipinti che rappresentano i paesaggi e gli emblemi di diversi territori etnei (Paternò, Adrano, Randazzo, Bronte e Linguaglossa), a San Francesco alla Collina dal 14 maggio al 2 luglio

Giuseppina Radice: «Lo studio dell’arte è cura contro il razzismo»

"Alchimisti di oggi per un futuro fatto a mano” è una sorta di autobiografia, sia intellettuale sia del quotidiano, della ex insegnante di Storia dell'arte contemporanea all'Accademia di Belle Arti di Catania, un libro nel quale è in continuo confronto con l'altro: «Non esiste un arte vera perché parla a tutti, l'arte è cultura e richiede tempo per essere compresa»