martedì 23 maggio 2017

martedì 23 maggio 2017

MENU

Il Cinema di Frontiera di Marzamemi a Torino per parlare di "confine"

Visioni

Il Festival internazionale Cinema di Frontiera di Marzamemi ha aderito al progetto Superfestival del Salone del libro, il meglio delle manifestazioni che "producono cultura" in Italia. Il festival siciliano sarà presentato il 20 maggio, tra gli ospiti Pif e Maurizio Nichetti. Il direttore artistico Nello Correale: «Noi tra i primi in Italia ad occuparci di esplorare e declinare con il cinema il tema del confine»


di Redazione SicilyMag

La Frontiera del festival più a sud d’Europa sarà raccontata attraverso il “confine” del Salone internazionale del libro che si svolgerà a Torino dal 18 al 22 maggio. Il Salone è la più grande libreria italiana del mondo e la più grande fiera editoriale dell’ area culturale del Mediterraneo e il tema dell’edizione 2017 è proprio “Oltre il confine”. Una tematica che si sposa con i valori su cui si fonda il Cinema di Frontiera. «Abbiamo accettato con piacere l'invito del Salone - ha raccontato Nello Correale, direttore artistico del Cinema di Frontiera - e siamo onorati di poter presentare ad una platea così vasta la nostra esperienza e i nostri progetti. Con noi ci saranno alcuni degli amici che ci hanno seguito e sostenuto in questi , tra cui Maurizio Nichetti e Pif».

Sono 68, in rappresentanza di diciotto regioni, i festival culturali italiani che hanno risposto all’appello lanciato dal Salone Internazionale del Libro col progetto Superfestival, nell’intento di riunire per la prima volta a Torino dal 18 al 22 maggio, in occasione della sua trentesima edizione, il meglio delle manifestazioni che “producono cultura” in tutta la Penisola. «Un vero e proprio “festival dei festival” – ha spiegato Correale -, un grande momento di partecipazione e condivisione: un’unica “casa comune” per dar vita a un’occasione di confronto fra addetti ai lavori, organizzatori, direttori artistici, sponsor, istituzioni, operatori culturali - ma al contempo aperta al pubblico generalista grazie a un palinsesto di appuntamenti ad hoc all’interno del programma complessivo del Salone del Libro».

Il Festival del Cinema di Frontiera di Marzamemi

Nel programma ufficiale del Salone Internazionale del Libro il Festival internazionale Cinema di Frontiera di Marzamemi è l'unico che si occupa principalmente di cinema. «Un motivo c'è - ha continuato il regista Correale – perché quest'anno il Salone è dedicato al Confine e noi, forse tra i primi in Italia, ci occupiamo di esplorare e declinare con il cinema questo tema. Non solo film, anche quest'anno provenienti da tutto il mondo, con un focus su Cina e Messico, ma fin dalla prima edizione del 2001 presentiamo autori e scrittori negli incontri prima delle proiezioni . Un momento seguito ed irrinunciabile del nostro Festival».

La presentazione del Festival internazionale del Cinema di Frontiera è prevista sabato 20 maggio alle 14,30 a Lingotto fiere, un momento in cui, oltre Correale e gli ospiti Pif e Maurizio Nichetti, parteciperanno i componenti del comitato organizzatore del Festival Barbara Fronterrè, presidente del Centro commerciale naturale “Marzamemi”, Rosita Pignanelli, presidente del cinecircolo “Cinefrontiera”, e l’attrice e regista teatrale Gisella Calì, responsabile della sezione Frontiera del Libro. La XVII edizione del Cinema di Frontiera si svolgerà dal 24 al 30 luglio a Marzamemi, organizzata dal Centro commerciale naturale “Marzamemi” e dal cinecircolo Cinefrontiera, con il sostegno dell’assessorato al Turismo della Regione Sicilia, il Comune di Pachino e la Banca di credito cooperativo di Pachino.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 15 maggio 2017
Aggiornato il 16 maggio 2017 alle 11:28





TI POTREBBE INTERESSARE

Alessandro Aronadio: «Orecchie, viaggio nella quotidianità di un tragicomico Ulisse»

Nelle sale dal 18 maggio "Orecchie", il nuovo film del regista palermitano Alessandro Aronadio, è una produzione low-budget che è piaciuta ed ha coinvolto, a paga sindacale, attori di rango, da Pamela Villoresi a Rocco Papaleo, da Piera degli Esposti a Massimo Wertmuller: «Orecchie è una commedia obliqua, con gusto cinico si pone domande altissime»

Luca Vullo: «Lampedusa è un'isola in attesa»

Il regista e produttore siciliano si trova sull'isola al centro del Mediterraneo per girare un documentario con l'antropologa Adele Galipò e la sociologa Michela Franceschelli dell'University College di Londra indagando le trasformazioni sociali in contesti di emergenza: al centro della loro ricerca la comunità lampedusana

Luca Vullo porta il Texas a Prizzi

Il regista e produttore siciliano sta documentando "Dallas in Prizzi" il progetto artistico dello psichiatra americano Dave Atkinson per il quale sono stati coinvolti tre famosi writers: Olivia Cole, Maria Haag e Frank Campagna

Cannes, Sicilian Ghost Story di Grassadonia e Piazza apre la Semaine de la critique

I registi palermitani reduci dal successo di "Salvo" sono stati invitati personalmente dal direttore Charles Tessonad ad aprire il 18 maggio la prestigiosa edizione, ed è la prima volta per un film italiano. Interamente girato nel Parco regionale dei Nebrodi e a Troina «il film è una favola nera - dicono i registi -, una ghost story siciliana, sul piano fantastico è favola d’amore»

Il Sicilia Queer filmfest punta sul cinema sensuale di Abrantes

Il festival diretto da Andrea Inzerillo, in programma a Palermo dal 25 maggio all'1 giugno, proporrà la prima retrospettiva integrale di uno dei più promettenti registi contemporanei

Il primo film di Roberto Lipari: «Sono il rappresentante della Classe Z»

L’attore comico palermitano, arrivato al grande pubblico con la vittoria di "Eccezionale veramente", debutta al cinema nel nuovo film di Guido Chiesa - in sala dal 30 marzo - in cui interpreta il rappresentante di una classe di maturandi alle prese con l’esame di stato, un commissario scolastico (Antonio Catania) e un preside cattivissimo (Alessandro Preziosi)