domenica 23 aprile 2017

domenica 23 aprile 2017

MENU

Andare per asparagi selvatici (parte II): il risotto

Ricette

Con gli ultimi asparagi di stagione mi piace realizzare una pietanza di sicuro successo, abbinandoli a un altro antiossidante naturale: i carciofi. Un primo piatto di sicuro successo che stupirà i vostri commensali senza appensantirli troppo, specie in questi giorni post Pasqua


di Floriana D'Agostino

Con la primavera ormai nel pieno della sua rigogliosa fioritura, questi sono gli ultimi giorni per racimolare un mazzetto di ottimi asparagi che, proprio in questo momento, troverete più robusti e copiosi, con un po' di fortuna, ma anche smangiucchiati da animali e parassiti, in quanto ricchi di acqua e sali minerali che rappresentano un toccasana per tutte quelle specie appena risvegliate dal letargo invernale, come ad esempio le formiche.

Asparagi selvatici - ph Sicilymag.it

Con gli ultimi asparagi di stagione mi piace realizzare una pietanza di sicuro successo, abbinandoli a un altro antiossidante naturale: i carciofi. Un risotto con asparagi e carciofi è un primo piatto di sicuro successo che stupirà i vostri commensali senza appensantirli troppo, specie in questi giorni post Pasqua in cui tutti sentiamo l'esigenza di consumare pasti più leggeri.

Ingredienti per 4 persone

300 gr di riso arborio
1 mazzetto di asparagi
1 carciofo medio (io preferisco quello con le spine appuntite, più gustoso)
1 cipollina fresca (o, in alternativa un porro)
1/2 bicchiere di vino bianco
Olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
Formaggio tipo grana o parmigiano grattuggiato

Risotto con asparagi e carciofi - ph Sicilymag.it

Procedimento
Ripulite i vostri asparagi e sbollentateli in acqua salata, ricordando di conservare l'acqua di cottura (se avete precedentemente conservato l'acqua di cottura degli asparagi necessari per la frittata - leggi Andare per asparagi (parte I): la frittata, potete utilizzare gli asparagi anche crudi). Ripulite anche i carciofi e tagliateli a lamelle sottili.
In una padella capiente fatte appassire la cipolla tagliata sottilmente nell'olio appena scaldato, non appena sarà biondo aggiungete il riso e fatelo tostare per qualche minuto, sfumate con il vino. Non appena il vino sarà evaporato aggiungete i carciofi e un po' di acqua degli asparagi (se lo riteneste necessario e, a seconda del gusto, potete utilizzare anche mezzo dado vegetale). Mantenete la fiamma bassa e aggiungete, poco alla volta, qualche mestolo d'acqua. A metà cottura aggiungete anche gli asparagi (io li taglio in piccoli pezzi, in modo che si amalghimino meglio al riso) continuando ad aggiungere l'acqua di cottura degli asparagi, mestolo dopo mestolo, fino a cottura ultimata.

Regolate di sale e pepate a vostro piacimento. Spento il fuoco mantecate con il formaggio grattuggiato che più vi aggrada e servite subito in tavola.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 18 aprile 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Il sugo di pesce (economico) che piace anche ai bambini

Con i totani, per quanto meno nobili (e meno cari) di seppie e calamari, si possonono preparare svariate pietanze, oggi vi propongo un sugo che, volendo, può essere anche un secondo piatto

Andare per asparagi selvatici (parte I): la frittata

Con la primavera alle porte non resisto alla tentazione di andare alla ricerca di asparagi selvatici. Avete mai provato? Trovo sia una di quelle buone pratiche che aiutano lo spirito, oltre che la pancia

Pizza di pane raffermo, contro gli sprechi

Cosa ne fate del vostro pane raffermo? Oggi vi suggerisco un modo diverso per realizzare un "rustico" casalingo di origini Campane, che è anche un ottimo sistema svuota frigo

La pasta e patate di Scorzonera&Cannella

E' una delle specialità della cucina tradizionale palermitana, una minestra molto densa che gli chef stellati definirebbero "risottata", ma per me è più semplicemente maccusa

Pasta all'aragosta alla moda di Marettimo di Scorzonera&Cannella

Nel Trapanese è usanza cucinarla in brodo, il procedimento è lungo a causa solo della cottura, ma il risultato è eccellente anche se al posto della più nobile aragosta si utilizza l'astice

La conza dello sfincione secondo Donna Nuzza

Lo sfincione, che non è una "pizza", rientra nella categoria dei cibi di strada nati per i momenti di festa: un semplice pane-focaccia tipico del Palermitano reso più goloso dall'aggiunta di un condimento sostanzioso ma creato con materie prime povere